Mons. Vincenzo Migliorisi

migliorisi1

Monsignor Migliorisi, nasce a Ragusa il 2 giugno 1928 e vive la sua infanzia a Pedalino, un borgo rurale del ragusano nelle campagne di Comiso. Vincenzo mostra molto presto una forte vocazione religiosa.

Sarà padre Tùmino, uno straordinario prete di campagna, sua prima e indimenticata guida spirituale, ad ispirargli una fede profonda.

Già negli anni del Seminario di Siracusa egli pone, con stupefacente precocità, le basi culturali e spirituali sulle quali eserciterà il suo magistero e fonderà la sua esistenza.

La sua opera di teologo e biblista, infatti, sviluppatasi in oltre cinquant’anni, è l’esito di un progetto esistenziale, di un percorso spirituale e culturale, il cui riferimento è scritto in un passo del vangelo di Luca che lo guida sin dall’infanzia. Si tratta dell’episodio nel quale è narrato l’incontro del Cristo risorto con due discepoli lungo la strada che conduce ad Emmaus.

Dopo l’ordinazione sacerdotale, 29 giugno 1951, approfondisce gli studi teologici e biblici a Roma dove risiede presso il Pontificio Seminario Lombardo. Nel 1952 consegue la Licenza in Sacra Teologia all’Università Gregoriana e due anni dopo quella in Scienze Bibliche al Pontificio Istituto Biblico.

Dall’inizio degli anni sessanta, il percorso di studi e l’attività pastorale di Monsignor Migliorisi si trovano in perfetta sintonia con le voci e gli orientamenti più nuovi ed interessanti che animano i lavori del Concilio Vaticano Secondo. In questo clima di rinnovamento si confronta con teologi e biblisti come Stanislas Lyonnet e Maximilian Zerwick.

Riprende, intanto, gli studi, presso l’Università Gregoriana e il Pontificio Istituto Biblico, allo scopo di completare la sua formazione in teologia e Sacra Scrittura. Alla fine degli anni sessanta integra questo percorso con due anni di ricerche in Francia presso la Biblioteca Nazionale.

migliorisi2L’attività di studio a Roma e all’estero, con viaggi continui, non lo allontanano, però, da Siracusa, sua città di adozione e nella quale è stato seminarista, ha esercitato il magistero, ha posto le basi del suo impegno nell’ambiente sacerdotale e laico e ha fatto sì che gli studi biblici acquistassero un forte impulso.

In questa città, nel corso di una vita intensa e di lavoro incessante, insegna al seminario arcivescovile e nelle scuole; diventa molto presto consulente provinciale, regionale e poi nazionale dell’U.C.I.I.M., una rilevante associazione di insegnanti cattolici; assume la direzione della Biblioteca Alagoniana; collabora alla fondazione dello Studio Teologico Interdiocesano “San Paolo” di Catania, anche con funzione di docente; fonda e guida l’Istituto Superiore di Scienze Religiose “San Metodio”, prestando anche la sua opera di “maestro”; dà vita al Centro Biblico Emmaus; si occupa del dialogo interreligioso; organizza convegni ed incontri internazionali di alto valore scientifico.

migliorisi3

Riesce a svolgere parallelamente una costante attività pastorale che lo vede impegnato, di volta in volta, a seguire la vita di intere famiglie o a fare apostolato nei quartieri più diseredati della città. Oltre a ricoprire un ruolo di assistente spirituale in numerose associazioni, rappresenta una delle voci più autorevoli nella vita religioso-culturale locale, regionale e nazionale, seguito e coadiuvato con impegno e passione da sacerdoti e laici, molti dei quali formati da lui stesso.

La profonda conoscenza delle Sacre Scritture e una vastissima cultura si uniscono in Mons. Migliorisi a straordinarie qualità umane, spirituali e comunicative. Rappresenta, infatti, un modello e un punto di riferimento per molti giovani, alcuni dei quali, sul suo esempio, scelgono di abbracciare il sacerdozio.

migliorisi4Con la costituzione del Centro Biblico Emmaus, nel 1986, Mons. Migliorisi corona un desiderio da sempre coltivato cioè quello di far conoscere, amare e vivere la Parola di Dio.

Il 22 settembre 2002, all’improvviso, Mons. Migliorisi veniva chiamato dal suo Signore.
Aveva atteso quell’incontro da sempre, e non a caso qualche tempo prima aveva scritto:

“……. Voglio che il mio lavoro, che tutte le mie opere per l’avvento del Tuo Regno portino l’impronta del tuo pensiero e del tuo amore….  “ Non so, o Signore, quando si farà sera per me. Non importa saperlo. Mentre c’è luce voglio camminare, voglio costruire, voglio generare” (manoscritto)

La vita di Mons. Migliorisi è stata una vita donata, una perenne offerta a Dio e al prossimo, una dedizione generosa al culto, alla diffusione, all’insegnamento della verità cristiana.

[Dicono di lui]